La malattia gentile

La malattia gentile

di Jacopo Cioni

Il cancro è una malattia gentile, poco invadente, ti comunica la sua presenza con garbo, quasi con lucida incoscienza. Si sistema li accanto a te, spesso tace, è un compagno muto, tanto rispettoso da farti credere che non esista. Solo in alcuni momenti, quando sei spensierato, quando sorridi alla vita, ti fa capire che c’è, che è li con te, che non è andato via.

E allora lucidamente lo accetti, mentendo, cercando di ingannarlo come lui inganna te. In fondo è una buona malattia, ti permette di renderti conto, di prendere coscienza, quando ti illudi troppo ti richiama. Piano piano ti porta ad abbandonare la speranza, ma non con cattiveria: in fondo si prende solo lo spazio che gli serve. Non ti uccide velocemente, non come altre malattie; permette a chi resta di spalmare il dolore nel tempo, ti sottrae l’amore con delicatezza, con mano leggera. In fondo, ti fa capire il “come“, e spesso anche il “quando“.  E’ così generoso da non lasciarti perso nello sconforto puro, ma si prende quel che gli spetta un pezzettino alla volta, in un continuo rincorrersi di piccoli avvertimenti.

In fondo fa solamente il suo lavoro: ti sottrae alla vita con leggera paura e tanta malinconia.

Annunci

5 thoughts on “La malattia gentile

  1. Pingback: La malattia gentile | Gmerico's Blog

  2. Ma esiste anche un altro amico gentile che,nel silenzio dell’informazione, lotta per allontanare il cancro senza farti del male. Questo amico gentile e discreto si chiama Multiterapia Di Bella. Salva tante vite e tante le accompagna verso una fine dignitosa. Tanti sono i nemici che ha, e che lo combattono.Ma oltre 10.000 credono nel Metodo, messo a punto da Uomo Buono, e sono tutti amici fra loro. Vieni a conoscerli in facebook nel MDB dal cancro si può guarire. Ti aspettiamo

  3. Gentile, poco invadente????garbo????leggera paura e tanta malinconia????
    Non so, il cancro che conosco io è altro, richiede tantissima forza ed energia anche solo per avere a che fare con un sistema malato e perverso, per difenderti da cosiddette “cure” che ti spezzano oltre che il corpo anche la speranza.Il cancro è gentile solo con chi ci fa enormi profitti. Gentili sono le cure che tirano su il sistema immunitario, che rimettono ordine nelle cellule, che ti permettono di riappropriarti del tuo tempo e dei tuoi pensieri, vedi il post di franca. Non accetto questa specie di “poesia” sul cancro, si può imparare da tutto, se si vuole ,e anche seguire la strada dell’accettazione ma questa è una malattia che, in primis, non vuole supinità verso chi ti propone qualcosa (vedi chemio) che spesso è peggio del male.

  4. Cara diana capisco le tue parole che sono contro una poesia cosia… Capisco che puo essere difficile capire chi scrive cosi di una malattia che spesso ci uccide…
    Ma credimi, io quando ho letto queste parole mi sono comosso… Comosso perche sono o meglio erano i miei pensieri mentre lottavo contro un cancro dentro di me… Ma proprio con questo attegiamento mi e stato possibile combatterlo, superare ogni seduta di chemio, ogni dolore che mi veniva di notte quando avrei dovuro dormire ma per mesi e mesi il mio corpo nn lo faceva…. Notti intere davanti la tv a sperare che arrivi il mattino… E proprio pensato cosi come scrive Jacopo Cioni sono riuscito a superare, tante volte a trovare la forza… Pensanto e piu in la sapendo ed essendo sicuro che si poteva superare, se solo nn si diceva che era finita a se stessi…
    Essere convinti del poter supeare questa malattia aiuta gia tantissimo…. Nn fa scomparire il tumore, ma aiuta ad accetarlo e combaterlo…

  5. Oddio gentile mica tanto, è molto più veloce di molte altre malattie, comunque Franca per affrontare il cancro occorre un approccio multifattoriale, occorre aggredirlo, e soprattutto fondamentale RIEQUILIBRARE IL TERRENO ovvero, rafforzare le membrane cellulari, e far espellere dai tessuti le tossine ed i veleni introdotti con inquinamento, e sovraccarico di sostanze nocive (anche dai cosmetici, coloranti, additivi e conservanti dannosi), stress, eccessivo sport ecc, ecc,

    Occcorre integrare più metodi, conosco il Metodo Di Bella ed è sicuramente utile ma occorre aver ben chiaro anche la situazione vissuta, Hamer ha fatto studi molto accurati che considerano il tipo di trauma, il tipo di tessuto da cui la neoplasia è nata, e la psicosomatica stessa ha condotto studi a riguardo. Occorre avere una visione di insieme, la naturopatia con le sue varie discipline (fitoterapia, gemmoterapia, aromaterapia, ecc) in questo è unica e inarrivabile.

    Paolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...